“Nei prossimi giorni, chiederò un incontro all’assessore al Lavoro e Welfare, Angela Robbe, affinché sia individuata una soluzione di medio e lungo termine per i 255 tirocinanti dei Comuni di Longobucco, Bocchigliero e Campana inseriti nel Progetto di Inclusione Sociale attivato nel maggio 2018 e denominato Ambiente e valorizzazione delle risorse boschive nelle aree interne alla Sila Greca”. È quanto dichiara il consigliere regionale Mimmo Bevacqua, il quale così prosegue: “Questo progetto, a suo tempo ideato e promosso dal presidente Oliverio, insieme al sottoscritto e ai sindaci interessati, è destinato all’inserimento e reinserimento lavorativo attraverso la frequenza di appositi corsi finalizzati all’acquisizione di qualifiche di operatore della silvicoltura e della tutela ambientale, operatore per assistenza di base, tecnico della supervisione e sorveglianza del territorio, tecnico della programmazione e creazione di siti web. Sono evidenti, pertanto, tutte le caratteristiche di un percorso estremamente utile a contrastare la disoccupazione e il conseguente spopolamento che affliggono i piccoli comuni delle aree interne calabresi. La prosecuzione di tale misura appare in linea con la migliore e più lungimirante politica di cura, salvaguardia e valorizzazione del territorio e dell’ambiente, in particolare di quello montano, che tanta importanza riveste nella prevenzione dei periodici e sempre più frequenti fenomeni di dissesto idrogeologico che colpiscono la nostra regione. Su questo versante è da tempo che ci stiamo impegnando ed è opportuno condurre a compimento le iniziative intraprese”.

Pertanto – conclude Bevacqua – ben conoscendo la sensibilità verso il tema che sempre ha dimostrato il presidente Oliverio, chiederò all’assessore Robbe di valutare tutte le possibilità volte a evitare l’interruzione di un percorso sociale ed economico virtuoso, stante che, tale interruzione comporterebbe la perdita di un patrimonio di formazione, di accrescimento di conoscenze, competenze e professionalità già acquisito dai soggetti corsisti. Non ritengo, inoltre, che reperire le risorse necessarie presenti particolari difficoltà”. ​